I crisalli liquidi sono composti organici che si presentano in uno stato della materia né liquido, né solido, ma mesomorfico, cioè in fase liquido-cristallina. Sono quindi classificati come tali non tanto in base alla presenza di gruppi funzionali particolari o per altre caratteristiche intrinseche della struttura della singola molecola, ma per le proprietà fisiche che una miscela di esse ha a temperatura ambiente (e dintorni).

cholesteryl-benzoate

Applicazioni§

Dalla scoperta dei cristalli liquidi sono passati ormai quasi cent'anni e nel frattempo si sono trovati innumerevoli modi per valorizzare le peculiarità di queste sostanze: soprattutto vengono impiegati in maniera ubiquitaria negli schermi di dispositvi tecnologici, dallo smartwatch alla TV da quattromila pollici.

Fase ferroelettrica§

800px-ferroelectric_polarisation

Ora si è scoperto che molecole simili a quelle già largamente impiegate possono adottare un altro tipo di allineamento e quindi generare una fase differente dotata di ferroelettricità che potrebbe condurre alla messa a punto di ulteriori tecnologie o a un miglioramento delle performance nei campi applicativi attuali, quindi a display più reattivi e meno energivori.1

Non si tratta di una possibilità remota, anzi, come spiega Richard Mandle dell'Università di Leeds a c&en, "è quasi impossibile" immaginare che questi materiali non trovino una vasta area di impiego.


Cover: Fase nematica